FederNotizie

L'informazione è per tutti

Orecchie a sventola nei bambini: quando si può intervenire per correggerle?

orecchie-a-sventola-nei-bambini-quando-si-puo-intervenire-per-correggerle

Nei soggetti con le orecchie a sventola (dette anche ad ansa) i padiglioni auricolari si contraddistinguono per una diversa conformazione: normali per forma e dimensioni, si mantengono eccessivamente distanti dalla nuca assumendo il caratteristico aspetto prominente e distaccato. Il fenomeno inizia a presentarsi molto presto, direttamente nel feto intorno al sesto mese di gravidanza: la cartilagine che costituisce il padiglione auricolare - anziché piegarsi all’indietro come solitamente accade durante il suo normale sviluppo – tende ad irrigidirsi, e si stabilizza in una posizione tale da creare un maggior spazio tra la nuca e l’orecchio.

Ludopatia: nuove regole sul gioco d'azzardo. La stretta della Toscana

ludopatia-nuove-regole-sul-gioco-dazzardo-la-stretta-della-toscana

Promossa in Regione una nuova legge contro la ludopatia: prosegue e così la lotta contro la dipendenza dai giochi con vincite di denato. Diventano off-limits anche scuole dell'infanzia, bancomat, gioiellerie e compro oro: le sale da gioco dovranno tenersi ad una distanza minima di almeno 500m da questi luoghi. Viene rafforzata, inoltre, l'importanza della prevenzione, attraverso una nuova campagna di informazione nelle scuole, e si pone l'attenzione sulla necessità di un maggior coinvolgimento dei sindaci nel contrastare il gioco d'azzardo.

Marijuana legale: cos'è cambiato con la nuova legge

marijuana-legale-cose-cambiato-con-la-nuova-legge

Dopo un disegno di legge che mirava ad un accesso più ampia verso la marijuana, stiamo parlando della completa legalizzazione, con 317 sì, contro 40 no e 13 astenuti, la Camera, in data 19 Ottobre 2017, ha dato il lasciapassare alla proposta di legge che mira a disciplinare l'uso della marijuana, solo ed esclusivamente a scopo terapeutico. Anche se in Italia è già consentito l'uso della cannabis per mezzo del decreto del Ministero della Salute del 2015, è stato necessario un disegno di legge per affrontare il tema in modo più approfondito. Così facendo il testo è approdato all'esame del Senato, per fissare una serie di criteri atti a garantire ai pazienti, che potranno usufruire dei benefici di questa sorta di medicinale, equità d'accesso.

Allergie alimentari nei bambini: come fare a riconoscerle e a intervenire

allergie-alimentari-nei-bambini-come-fare-a-riconoscerle-e-a-intervenire

Le allergie alimentari rappresentano una problematica molto diffusa sia negli adulti, sia, purtroppo, nei bambini. Per fortuna, oggi si possono individuare facilmente così da tenerle sotto controllo con le terapie più adatte. Secondo i dati scientifici, un bambino su 20, nella fascia di età compresa tra i 0 e i 5 anni, soffre di un’allergia alimentare, il numero sale a 10 su 100 se si parla della sensibilità alla polvere e agli acari e circa il 5% è colpito dall’asma di natura allergica. Ma di cosa si tratta esattamente?